02/29520040   +39 3335634616   info@sicuradomus.com

Top

Inferriate blindate e grate a Milano

Inferriate blindate e grate a Milano

Sicura Domus installa inferriate blindate e grate di sicurezza a Milano e provicia.

Il problema della sicurezza in casa è sempre di attualità, soprattutto in città come Milano, tristemente note per l’alta percentuale di furti in casa. Come aumentare la sicurezza della propria casa è il cruccio di molti italiani che, al fine di diminuire il rischio di effrazione, ricorrono all’utilizzo di sistemi di protezione attiva e passiva.

I primi sono assicurati da sistemi di allarme e videosorveglianza, che permettono d’individuare la presenza di  estranei nella proprietà, per poi scoraggiarne l’intrusione tramite segnalazione acustica e visiva. Della seconda categoria invece, fanno parte quelle installazioni che proteggono i punti d’accesso più facilmente raggiungibili dai ladri, ostacolando fisicamente l’accesso ai locali. Fanno parte di questa categoria le porte blindate, serrande, inferriate e grate, adattissime a proteggere finestre e balconi.

 

Perché installare inferriate e grate alle finestre

Nel pensare comune, la porta d’ingresso è vista come unico punto d’accesso ad un’immobile, ma non è proprio così. Un ladro che si rispetti, per esempio, sa che esistono diversi modi per potersi intrufolare all’interno della proprietà altrui. Finestre, balconi, lucernari, rappresentano dei punti di accesso più che invitanti per i malintenzionati che prendono di mira una proprietà. Il rischio poi è aumentato dalla presenza nei dintorni di ponteggi da poter sfruttare per arrampicarsi e, in grandi città come Milano, di certo impalcature e cantieri non mancano mai. Quindi, quando si cerca di mettere in sicurezza la propria abitazione, è bene tener presente anche la possibilità che qualche installazione momentanea possa favorire e/o invitare i ladri ad agire.

Una soluzione ottimale al problema consiste nel montaggio di grate e inferriate, in modo da rendere inaccessibili le finestre, o qualsiasi altro punto d’ingresso all’immobile. La loro installazione non richiede modifiche alle strutture esistenti nè, tanto meno, nuove opere murarie, e sono in grado di garantire impenetrabilità e sicurezza, grazie all’utilizzo di materiali resistenti e serrature anti trapano. Inoltre, grazie alle numerose finiture estetiche disponibili sul mercato, tutte le inferriate e grate rispettano pienamente il decoro architettonico del palazzo, quindi possono dirsi adatte anche a proteggere le finestre di un palazzo condominiale.

Costituite da acciaio zincato, le grate e le inferriate vengono progettate su misura e questo porta il prezzo a mutare in base alle specifiche necessità e richieste del cliente. Anche eventuali accessori possono influenzare il prezzo finale. Affinché le grate si possano dire sicure, è bene che il loro montaggio avvenga ad opera di un professionista, in grado di poterne verificare la posa e/o adattarla alle diverse situazioni riscontrabili durante lo svolgimento dell’operazione: cappotti esterni, forme irregolari, spazi ristretti e così via.

 

Il bonus fiscale per l’acquisto di inferriate

Da tempo ormai, all’interno dell’annuale Legge di Bilancio, viene riservato uno spazio particolare alle agevolazioni fiscali, dette comunemente bonus, riservate a chi effettua lavori di ristrutturazione/rimodernamento della propria abitazione, o acquista prodotti legati alla sicurezza.

Chi decide di acquistare inferriate per mettere in sicurezza la propria casa, può accedere eccezionalmente all’agevolazione fiscale del  50%, fino al 31 Dicembre 2018 mentre, dal primo Gennaio 2019, il bonus tornerà alla percentuale iniziale pari al 35%. A fronte, per esempio, di una spesa pari a €10.000 per l’acquisto di inferriate e grate di sicurezza, si potrà ottenere, entro il 31 dicembre, uno sconto IRPEF di € 5.000, da suddividere in 10 quote annuali: quindi, €500 all’anno.

Possono usufruire del bonus fiscale:

  • Proprietari di singole unità immobiliari residenziali, ivi compresi i familiari come il coniuge, parenti entro il terzo grado;
  • Parti comuni di edifici residenziali (condomini).

 

I documenti da esibire in caso di verifica da parte dell’agenzia delle entrate sono i seguenti:

  • Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, in cui indicare sia la data di inizio dei lavori che gli interventi agevolabili realizzati
  • Pagamento con bonifico bancario o postale speciale per ristrutturazioni edilizie
  • Fattura relativa alla spesa sostenuta.